La mia vecchia pedaliera per chitarra

paolomanzini24 pedalboard 1

La mia vecchia pedaliera per chitarra.

Acquistai i pedali tra il 2002 e il 2003, quasi tutti di seconda mano. Mi feci fare un case da Fantoni di Torino e feci assemblare tutto da un tecnico, Livio Tessa, che creò un doppio fondo per l’alloggiamento dei cavi e dei filtri dell’alimentazione.

Con il doppio fondo, i cavi possono essere collegati liberamente, collegando i pedali nella sequenza desiderata, permettendo di avere una disposizione libera dei pedali sul piano di appoggio, evitando così di avere disordinati “intrecci” di fili a vista. Per intenderci, sulla pedaliera il phaser è collocato dopo il distorsore e dopo il chorus, ma nella catena di collegamento è in realtà prima del wha, del distorsore e del chorus.

paolomanzini24 pedalboard 2

La sequenza è:
Boss Tu-2 tuner, Boss CS3 compressor, Boss GE7 equalizer, EHX Small Stone phaser, Dunlop 95Q Wha, Tech21 SansAmp Tri-Ac preamp-overdrive, EHX Small Clone chorus, Boss Volume pedal, Boss RV3 Digital Delay-Reverb.

Collegando il riverbero dopo il pedale del volume, si ha la possibilità di chiudere il volume ma di permettere che si sentano ancora le ultime ripetizioni del delay e la “coda” del riverbero.

Presto cambierò la sequenza di collegamento perché, tempo fa, ho sostituito il vecchio wha con questo nuovo Dunlop 95Q che ha una gamma dinamica molto ampia e tende a far saturare l’ingresso dei pedali che lo seguono, generando così una sgradevole distorsione in uscita anche sui suoni puliti.

paolomanzini24 pedalboard 3

Cambierò la sequenza spostando il collegamento del wha prima del compressore invece che dopo, in questo modo il CS3 livellerà il guadagno in uscita del wha, evitando di mandare in saturazione gli altri pedali.

Sposterò anche il collegamento del phaser dopo il wha, perché ho scoperto che usare il wha insieme al phaser, se quest’ultimo è dopo il wha, crea uno strano effetto “sott’acqua” con i suoni puliti, ed un effetto “psichedelico” se usato insieme alla saturazione. Preferisco sempre avere il phaser prima dei distorsori o overdrive per ottenere il tipico suono a la Van Halen o per ottenere la morbidezza tipica del solo in Hotel California degli Eagles.

Dopo la modificazione dei collegamenti, la catena effetti della mia pedaliera risulterà questa: accordatore – wha – compressore – EQ – phaser – overdrive – chorus – volume – delay – reverb.

Prendendo ora in considerazione le modifiche che apporterò, spiego il perché della mia scelta nella sequenza dei pedali.

paolomanzini24 pedalboard 4

Il segnale della chitarra arriva diretto all’accordatore, in questo modo reagisce meglio senza interferenze di eventuali effetti attivati, e l’accordatura è più precisa. I pedali della Boss hanno un buffer in entrata e NON sono true bypass (ottima cosa!), perciò se si usano pickup passivi, non si rischia che lo switch del pedale carichi troppo in impedenza il segnale ma, al contrario, lo rafforza nel suo percorso lungo gli altri pedali e cavi di connessione. Evito sempre i pedali true-bypass.

Ora il segnale arriva sano e forte al Wha, pedale famigerato per la sua capacità di alterare la dinamica e la brillantezza del suono in modalità bypass. Il Wha è semplicemente un controllo di tono attivo e, per questo, preferisco sempre averlo in prima posizione rispetto agli altri pedali. Dopo numerosi esperimenti ho constatato che il suono migliore si ottiene proprio usandolo in cima alla catena degli effetti. Infatti il mio passato tentativo di usarlo dopo il phaser è fallito miseramente tanto che, come ho detto prima, sposterò il collegamento.

paolomanzini24 pedalboard 5

Uso l’equalizzatore per modificare il suono della chitarra e non quello generale degli effetti, ecco perché voglio averlo più in cima possibile alla catena. Non voglio però averlo prima del compressore, perché i compressori “comprimono tutto”, e l’effetto di boost di alcune frequenze risulterebbe vanificato.

Il resto della catena effetti è standard: phaser prima delle saturazioni, chorus dopo le saturazioni e prima del delay e riverbero, volume prima del delay-riverbero per i motivi elencati prima.

Di seguito alcune foto del doppio fondo con i relativi collegamenti. Notare i filtri! Risultato: ZERO RUMORE DI FONDO.
(Al posto del SansAmp avevo un Boss Turbo Overdrive e un Boss Blues Driver BD2).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s